Press "Enter" to skip to content

Cosa c’è dietro la seconda ondata di Coronavirus in India?

Immunità calante, nuove varianti del virus: l’impennata dell’India potrebbe essere causata da una serie di fattori allarmanti.

Se c’è una cosa che è sicura sulla pandemia globale COVID-19, è che nuove ondate possono essere sempre dietro l’angolo. Ma anche con questa conoscenza, la seconda ondata dell’India è unica e sfida le narrazioni stabilite. Solo un mese fa, il consenso globale era che l’India era emersa come un’improbabile storia di successo della pandemia. Da un picco di quasi 100.000 nuovi casi confermati dal laboratorio ogni giorno a metà settembre 2020, il suo declino era stato rapido e netto, anche se le nazioni sviluppate stavano lottando. “L’India ha contenuto con successo la pandemia”, ha detto il ministro della salute Harsh Vardhan alla fine di gennaio. Alcuni si sono affrettati a dichiarare che il rispetto delle maschere era responsabile dei bassi numeri dell’India. Altri funzionari della sanità hanno detto che il declino ha dimostrato che il rigido blocco dell’India è stato efficace.

Ma se non era evidente prima, ora è abbondantemente chiaro alle amministrazioni locali e nazionali, ai medici e ai cittadini che la seconda ondata è qui. L’India ha riportato più di 100.000 nuovi casi il 4 aprile, un nuovo record per il paese, un livello non visto nella prima ondata. Questo la pone in cima alla lista dei paesi del mondo in termini di nuovi casi segnalati ogni giorno. Il solo stato occidentale del Maharashtra ha riportato più di 40.000 nuovi casi il 28 marzo, rendendolo una delle regioni più colpite al mondo. Inoltre, la seconda ondata ha preso slancio molto più velocemente della prima. Sebbene ci siano voluti 61 giorni tra giugno e agosto 2020 per passare da quasi 8.000 a quasi 55.000 casi giornalieri, ci sono voluti solo 41 giorni per passare da 10.000 a 60.000 questa volta.

L’India ha riportato relativamente meno morti di molti altri paesi – anche se rimangono domande sulla capacità del paese di contare accuratamente tutte le morti da COVID-19, a causa della storica sotto-registrazione nei sistemi sanitari – ma non ci sono ancora prove che la seconda ondata sarà meno mortale della prima ondata dell’India. Al contrario, i decessi segnalati quotidianamente stanno crescendo più velocemente in India rispetto al maggio 2020. In alcune regioni, tra cui lo stato settentrionale del Punjab, la recente ondata è stata associata a un forte aumento dei decessi rispetto ai casi fino a febbraio di quest’anno, secondo Murad Banaji, un docente di matematica alla Middlesex University, che ha studiato i numeri di COVID-19 dell’India.

Per la maggior parte del mondo, è stata prevista una seconda o addirittura una terza ondata; dopo tutto, questa è la logica di una pandemia. In India, la storia è un po’ più complicata. La recente impennata è meno misteriosa nelle zone rurali del paese; meno cittadini erano già stati esposti al virus lì. Il più recente sierosondaggio nazionale dell’India, condotto tra dicembre 2020 e gennaio 2021, ha indicato che più di 1 indiano su 5 è stato esposto al virus, ma la percentuale di quelli con gli anticorpi nelle baraccopoli urbane era più del 12% più alta che nelle zone rurali. “Dai sierosondaggi, sappiamo che c’è ancora un’alta popolazione non infetta nelle zone rurali”, ha detto Manoj Murhekar, direttore dell’Istituto Nazionale di Epidemiologia dell’India e autore principale dei sierosondaggi nazionali. “Questa popolazione rimane vulnerabile”. I casi di coronavirus sono emersi prima nelle grandi città o dalla migrazione di ritorno ai villaggi, ma i casi vengono ora rilevati anche nelle piccole frazioni e nei villaggi, ha detto SP Kalantri, un importante medico che vive e lavora nella regione rurale di Wardha, impoverita del Maharashtra.

Ma il recente aumento dei casi nelle grandi città ha sfidato alcune ipotesi accettate sulla natura della pandemia indiana e ha messo in dubbio che il declino di settembre 2020 possa davvero essere attribuito al successo del contenimento del governo.

L’anno scorso, livelli sorprendentemente alti di esposizione al virus indicavano che l’immunità di gregge era imminente, gli esperti, incluso Murhekar, credevano. I sierosondaggi condotti in India hanno mostrato che il virus ha dilagato in alcune parti del paese, in particolare nelle grandi città, verso la metà del 2020. Entro luglio e agosto 2020, una sierosondaggio condotto in cinque aree ad alta incidenza nella città occidentale di Pune ha mostrato che più della metà delle persone campionate erano state esposte al virus. Due sierosondaggi condotti a Mumbai hanno mostrato una sieropositività di circa il 40% nei bassifondi della città, e indagini simili in quartieri più piccoli hanno mostrato fino al 75% di prevalenza di anticorpi più avanti nell’anno. Il più recente sondaggio, condotto a Delhi, ha mostrato una sieroprevalenza del 56%.

Eppure la recente impennata a Mumbai e Pune in particolare è stata intensa; le due città insieme hanno riportato più di 10.000 nuovi casi il 28 marzo. Quindi, come mai c’è ancora spazio per un’impennata dell’esposizione in città che sono state colpite così duramente la prima volta?

Una possibile spiegazione ha la sua base nella disuguaglianza. I sierosondaggi in tutto il paese hanno inizialmente mostrato una sieroprevalenza sostanzialmente più alta nelle aree dei bassifondi; potrebbero esserci parti della popolazione di queste città