Press "Enter" to skip to content

Coronavirus: Trump accusa la Cina. “Ho le prove”

Trump punta il dito contro la Cina per l’epidemia di coronavirus.

Il presidente degli Stati Uniti ha affermato che la Cina avrebbe deliberatamente scelto di non fermare l’epidemia di coronavirus.

Nel corso di una conferenza stampa della Casa Bianca, Trump ha incolpato ripetutamente la Cina per la sua gestione dell’epidemia poi trasformatasi in pandemia, criticando il paese per aver limitato i viaggi interni per rallentare il virus, ma non i viaggi internazionali per impedirne la diffusione all’estero.

Inoltre, non ha escluso che il virus sia stato addirittura lanciato di proposito.

“Qualcuno ha fatto qualcosa di proposito” ha affermato il presidente.

L’ufficio del direttore della National Intelligence, l’agenzia di smistamento per il web delle agenzie di spionaggio statunitensi, ha affermato di aver escluso che il virus fosse stato creato dall’uomo ma stava ancora indagando sulla fonte precisa della pandemia globale, che ha ucciso oltre 220.000 persone in tutto il mondo.

Gli scienziati hanno suggerito che l’origine più probabile della pandemia di coronavirus rimane naturale e che si è diffusa da un animale infetto a un essere umano.

Prima dei commenti di Trump, il governo cinese aveva comunicato che qualsiasi affermazione che il coronavirus èfossestato rilasciato da un laboratorio sono “infondate e puramente fabbricate dal nulla”.

Il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang ha citato il direttore dell’istituto, Yuan Zhiming, affermando che il laboratorio implementa rigorose procedure di biosicurezza che impedirebbero il rilascio di agenti patogeni.

“Vorrei sottolineare ancora una volta che l’origine del virus è un problema scientifico complesso e dovrebbe essere studiato da scienziati e professionisti”, ha puntualizzato Geng, il quale ha poi criticato coloro che negli Stati Uniti affermano che la Cina dovrebbe essere ritenuta responsabile per la pandemia globale, dicendo che dovrebbero passare il loro tempo a “controllare meglio la situazione epidemica in patria piuttosto che a lanciare accuse infondate”.

Intanto l’economia americana ha subitoe un duro colpo, il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti per aprile dovrebbe raggiungere il 20%, una cifra che non si vedeva dalla depressione degli anni ’30, quando il tasso di disoccupazione raggiunse il 25%.

Il numero di americani che hanno perso il posto di lavoro potrebbe essere molto più elevato di quanto dimostrano le richieste di disoccupazione, poiché alcune persone potrebbero non aver richiesto l’indennità di disoccupazione.

Un sondaggio di due economisti ha stimato che gli Stati Uniti potrebbero aver perso 34 milioni di posti di lavoro.

Centinaia di manifestanti, alcuni armati di fucili, sono entrati nel Campidoglio del Michigan per protestare contro l’ordine di residenza del governatore democratico Gretchen Whitmer.

Mentre la protesta è continuata, la Michigan House guidata dai repubblicani ha rifiutato di estendere le misure di blocco dello Stato e ha votato per autorizzare una causa sfidando l’autorità del governatore Whitmer a combattere la pandemia.

Whitmer ritiene di avere poteri per rispondere alla crisi e di non aver bisogno di una proroga approvata dal legislatore se non per garantire che gli operatori sanitari continuino ad avere protezioni legali speciali.

Ha quindi sostenuto che lo stato di emergenza continuerà a prescindere.