Press "Enter" to skip to content

Coronavirus: perché i “super diffusori” possono semplificare il controllo di COVID-19

Esistono prove disperse ma crescenti che un piccolo numero di eventi cosiddetti “super-diffusione” sono responsabili della maggior parte delle infezioni da coronavirus.

Per i non addetti ai lavori, l’idea può sembrare spaventosa, il che implica che il virus può facilmente sfuggire al controllo e infettare un’intera folla, ma per alcuni epidemiologi, è una buona notizia.

“Se riusciamo a fermare quei focolai più grandi, possono davvero fare molto bene in termini di rallentamento della trasmissione senza dover ricorrere a blocchi. Dobbiamo solo smettere di sostituire”, Benjamin Cowling, professore di sanità pubblica all’università di Hong Kong , ha detto a Euronews in un’intervista televisiva in diretta. Lui e un team di scienziati hanno recentemente pubblicato un documento prestampato – preliminare, ancora da rivedere – esaminando 1.038 casi di COVID-19 a Hong Kong tra il 23 gennaio e il 28 aprile che, utilizzando la ricerca dei contatti, hanno identificato tutti i cluster locali di infezione .

Nello studio, solo il 20% dei casi, tutti riguardanti riunioni sociali, ha rappresentato l’80% delle trasmissioni.

Altrettanto sorprendente è stato che il 70% delle persone infette non ha trasmesso il virus a nessuno, Cowling e l’autore principale dello studio hanno notato in un editoriale del New York Times.

I risultati devono ancora essere rivisti scientificamente e dato che l’esperimento ha avuto luogo a Hong Kong, dove il numero totale di infezioni è stato relativamente piccolo (in poco più di 1.000 casi), potrebbe non essere rappresentativo del modo in cui il virus si è diffuso altri paesi con focolai più grandi.

Altri studi, tuttavia, hanno indicato la stessa direzione. Uno, pubblicato su The Lancet in aprile, ha studiato 391 casi del nuovo coronavirus e oltre 1.200 dei loro stretti contatti a Shenzhen, nel sud della Cina. Ha stimato che l’80% delle trasmissioni del virus era stato causato solo dall’8 al 9% dei casi.

Allo stesso modo, la modellistica matematica guidata da Akira Endo, della London School of Hygiene and Tropical Medicine, ha stimato che “l’80% delle trasmissioni secondarie potrebbe essere stato causato da una piccola frazione di individui infettivi (circa il 10%)”.
Quindi cosa definisce un “superspreader” – e come possiamo evitarlo?

“Con COVID-19, in media, una persona potrebbe infettarne altre due – ed è quello che stava succedendo nelle prime fasi della pandemia”, ha spiegato Cowling.

“Super diffusione è l’idea che non tutti contagiano altri due. Alcuni casi potrebbero non infettare nessuno. Altri potrebbero infettare molti altri.”

Quelli sono i famigerati “super diffusori” – una piccola frazione di pazienti infetti che diffondono il virus a una fetta più ampia della popolazione. Naturalmente, queste persone potrebbero non avere sintomi, non avere idea di essere contagiose ed essere completamente inconsapevoli di infettare gli altri.

Alcune persone sono semplicemente più contagiose di altre, ma questo di per sé non è sufficiente per definire un “superspreader”, ha detto Cowling. Anche il contesto sembra essere molto importante.

“Abbiamo anche bisogno dell’ambiente, forse di un ambiente affollato, forse di interni con molta gente, forse scarsa ventilazione, molti contatti ravvicinati, un sacco di tempo lì”, ha aggiunto, aggiungendo che si sono verificati quasi tutti gli eventi eclatanti esaminati dalla sua squadra al chiuso.

Cowling ha salutato il Giappone come esempio nella lotta contro eventi di copertura, con una strategia nota come evitare le “tre C”: spazi chiusi, folle e contatti stretti.

Ritiene che le misure di allontanamento sociale dovranno rimanere in vigore per almeno i prossimi sei mesi, ma che le autorità dovrebbero trovare modi per consentire a riunioni ed eventi speciali come matrimoni e funerali di andare avanti in sicurezza.

“All’aperto sarebbe una buona idea”, ha detto, suggerendo che dovrebbero esserci anche meno persone riunite in luoghi più grandi.