Press "Enter" to skip to content

Coronavirus: fase 2 in Spagna. Tutti in strada. E oggi si comincia in Italia

Gli spagnoli si sono riversati in Spagna con manifestazioni di gioia e trepidazione per l’allentamento delle restrizioni per il coronavirus ed il passaggio alla fase 2.

Uno dei paesi più colpiti al mondo da COVID-19, la Spagna ha alleggerito leggermente le restrizioni di blocco sabato mattina, consentendo alle persone di godersi il sole primaverile.

I residenti in Italia sono ancora bloccati in casa – ma da oggi anche da noi inizierà la fase 2 con un leggero allentamento delle restrizioni. E mentre sabato i bambini tedeschi si sono divertiti nei campi da gioco, in Russia vi sono crescenti preoccupazioni per la possibilità che gli ospedali vengano sopraffatti.

“È stato così bello allungare le gambe e vedere davvero che eravamo ancora a Barcellona e non in un mondo apocalittico”, ha detto Rosanna West, che è rimasta bloccata nella capitale della Catalogna per sette settimane.

Ma mentre è stato un grande sollievo uscire e godersi l’aria aperta per un’ora, ha anche trovato l’esperienza un po’ preoccupante.

“I podisti stavano quasi correndo spalla a spalla, era come se nessuno fosse in quarantena. E non correvano con le maschere”, ha detto.

Questi sentimenti sono stati condivisi da un residente della vicina città di Sant Cugat del Vallès: “Mi sento molto emozionato di poter uscire e fare una passeggiata, vedere le persone e sentire che tutto sta lentamente tornando alla normalità”, ha detto Clàudia Castrejón. “D’altra parte, se esco e vedo che le persone non seguono le precauzioni di sicurezza, come i diversi periodi consentiti per le diverse fasce di età, mi preoccuperò.”

“Credo che sia impossibile evitare nuove infezioni quando le persone stanno insieme perché il virus è così contagioso, ma è possibile evitare un gran numero di nuove infezioni se le persone sono responsabili.
“Le persone devono rispondere a questo voto di fiducia coscienziosamente e seguire le regole”, ha aggiunto.

La Spagna ha imposto un rigoroso blocco il 14 marzo, consentendo solo agli adulti di uscire di casa per fare la spesa, per acquistare medicine o altri beni essenziali e portare a spasso i cani vicino a casa. Ciò significava che non c’era possibilità di fare esercizio fisico all’aperto e che i bambini restavano bloccati din casa per settimane intere. Da sabato (2 aprile), il governo ha istituito fasce orarie per fasce di età e attività e sono ancora in atto misure di distanziamento sociale.

La Spagna ha dettagliato un piano di rollback che varierà per provincia. Quelli con il minor numero di casi e con risorse sanitarie in atto per gestire un rimbalzo del virus saranno i primi a godere di un ulteriore allentamento delle misure.

Con il miglioramento della situazione in Spagna, un enorme ospedale da campo che i militari hanno aiutato a allestire in un centro congressi di Madrid è stato chiuso venerdì, mentre prima era stato chiuso un obitorio in una pista di pattinaggio.

Dopo che le persone si sono godute le loro uscite mattutine, il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez ha annunciato che indossare maschere sui trasporti pubblici sarà un “obbligo” da lunedì, come ulteriore misura per cercare di evitare un altro scoppio del virus.

Milioni di mascherine, che fino a sabato erano state solo “altamente raccomandate”, saranno distribuite in tutto il paese la prossima settimana, ha detto Sanchez.

Circa la metà dei casi di coronavirus e decessi in tutto il mondo sono stati registrati in Europa, il continente più colpito dalla malattia.

Sono stati confermati oltre 1,5 milioni di casi in tutta Europa, ma con un rallentamento dei tassi di infezione, i paesi stanno iniziando a pianificare il ritorno alla pseudo-normalità post-blocco.

La Germania, che ha registrato più di 164.000 casi ma ha visto solo circa 6.700 morti, ha rigide linee guida sul distanziamento sociale ma non ha mai limitato le persone ad uscire di casa. I negozi più piccoli sono già stati aperti e questo è il primo fine settimana in cui sono stati autorizzati ad aprire anche parchi giochi, musei e zoo.

In Italia, le misure saranno allentate a partire da oggi, con la possibilità per le persone di visitare parenti in piccolo numero e di accedere parchi, fabbriche e negozi.