Press "Enter" to skip to content

Colloqui disarmo nucleare USA-Russia: Washington condanna la Cina per la mancata partecipazione al vertice di Vienna

La Russia e gli Stati Uniti hanno ripreso i colloqui sull’estensione di un importante trattato di disarmo nucleare, ma l’insistenza di Washington sul fatto che la Cina dovrebbe far parte dell’accordo potrebbe ostacolare il dialogo.

Sergei Ryabkov, viceministro degli esteri russo, e Marshall S. Billingslea, inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il controllo degli armamenti, si incontreranno per due giorni di colloqui a Vienna lunedì e martedì, per negoziare un’estensione del nuovo trattato START.

I progressi sono in dubbio tra la continua richiesta del presidente Trump di coinvolgere la Cina. Il suo inviato ha confermato su Twitter lunedì che “la Cina è un no-show” e ha accusato Pechino di “nascondersi ancora dietro una Grande Muraglia di Segretezza durante il suo incidente nucleare”.

Tuttavia, gli Stati Uniti continuerebbero comunque a dialogare con la Russia, ha aggiunto Billingslea.
All’inizio di questo mese la Cina ha ribadito la propria posizione di non avere intenzione di prendere parte ai colloqui in quanto “non è ancora il momento giusto”. L’arsenale nucleare stimato della Cina è sminuito da quelli degli Stati Uniti e della Russia e Pechino afferma che questi due paesi hanno la responsabilità primaria di disarmare.

La Russia e gli Stati Uniti hanno ripreso i colloqui sull’estensione di un importante trattato di disarmo nucleare, ma l’insistenza di Washington sul fatto che la Cina dovrebbe far parte dell’accordo potrebbe ostacolare il dialogo.

Sergei Ryabkov, viceministro degli esteri russo, e Marshall S. Billingslea, inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il controllo degli armamenti, si incontreranno per due giorni di colloqui a Vienna lunedì e martedì, per negoziare un’estensione del nuovo trattato START.

I progressi sono in dubbio tra la continua richiesta del presidente Trump di coinvolgere la Cina. Il suo inviato ha confermato su Twitter lunedì che “la Cina è un no-show” e ha accusato Pechino di “nascondersi ancora dietro una Grande Muraglia di Segretezza durante il suo incidente nucleare”.

Tuttavia, gli Stati Uniti continuerebbero comunque a dialogare con la Russia, ha aggiunto Billingslea.

All’inizio di questo mese la Cina ha ribadito la propria posizione di non avere intenzione di prendere parte ai colloqui in quanto “non è ancora il momento giusto”. L’arsenale nucleare stimato della Cina è sminuito da quelli degli Stati Uniti e della Russia e Pechino afferma che questi due paesi hanno la responsabilità primaria di disarmare.

Lo scorso anno sia gli Stati Uniti che la Russia hanno sospeso i loro obblighi ai sensi del Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio (INF), che imponeva loro di eliminare definitivamente i missili balistici e da crociera lanciati a terra nucleari e convenzionali con distanze comprese tra 500 e 5.500 chilometri.

I due paesi si sono accusati a vicenda di violare gli obblighi del trattato, ma hanno continuato ad aderire al nuovo START (Trattato strategico sulla riduzione delle armi), che limita il numero di testate nucleari che Mosca e Washington possono avere in qualsiasi momento.

Il trattato, tuttavia, scade nel febbraio 2021.