Press "Enter" to skip to content

Sul boicottaggio del G20 in Arabia Saudita

Amnesty International ha rivelato che 220 organizzazioni della società civile hanno annunciato un boicottaggio dell’incontro del G20 che dovrebbe essere ospitato dall’Arabia Saudita il prossimo mese di novembre. L’organizzazione per i diritti umani ha affermato che i gruppi della società civile in tutto il mondo hanno espresso preoccupazione per la partecipazione delle ONG al vertice e si sono impegnate a non partecipare al meeting di quest’anno, noto come Civil 20 (C20), che consiste in una serie di incontri dedicati  per gli organismi della società civile all’interno del G20. A tale proposito è stata emessa una dichiarazione, rilasciata a gennaio, in cui si afferma che “Invece di impegnarsi in una vera riforma, il governo saudita sta cercando di nascondere i suoi scarsi risultati sui diritti umani organizzando importanti eventi internazionali nel paese. Come principali organizzazioni della società civile presenti nella maggior parte dei paesi del mondo, ma non in Arabia Saudita, non possiamo partecipare a un processo che cerca di dare legittimità internazionale a un paese che non fornisce effettivamente spazio alla società civile e in cui la voce di un indipendente non è ammessa.”

Il direttore della politica e della ricerca di Advocacy di Amnesty ha affermato che è tempo che le autorità saudite prendano provvedimenti significativi per porre fine a “detenzioni arbitrarie, torture e processi iniqui” e porre fine al diffuso ricorso alla pena di morte. “Speriamo”, ha aggiunto Netsanet Belay, “che dozzine di difensori dei diritti umani e attivisti per i diritti delle donne oggi dietro le sbarre, come Waleed Abulkhair e Loujain Al-Hathloul, Raif Badawi, Samar Badawi e Nassima Al-Sadah, trarranno forza da questa solidarietà espressa da molte organizzazioni in tutto il mondo”.

Belay ha sottolineato che i gruppi della società civile chiedono il rilascio immediato e incondizionato degli attivisti detenuti in modo che possano partecipare in modo significativo con il loro governo allo sviluppo di leggi e politiche in linea con i diritti umani in patria e all’estero. “Ciò include una revisione della posizione dal G20”.

Inoltre, il segretario generale di CIVICUS ha sottolineato che le autorità saudite hanno reso praticamente impossibile per i difensori dei diritti umani e le organizzazioni della società civile svolgere il proprio lavoro nel paese. “L’Arabia Saudita”, ha detto, “non tollera la libertà di espressione e molti difensori e attivisti dei diritti umani sono in prigione o in esilio. Ci rifiutiamo di partecipare alla riunione della società civile C20 guidata dall’Arabia Saudita perché riteniamo che gli attivisti e le organizzazioni indipendenti della società civile non saranno in grado di partecipare liberamente a questo processo.”

Il Regno dell’Arabia Saudita è un grande alleato degli Stati Uniti nel conflitto in corso con l’Iran. Il Regno ha affrontato gravi critiche da parte dei paesi occidentali per l’uccisione del giornalista saudita Jamal Khashoggi nel consolato saudita di Istanbul nel 2018. Continua a essere sfidato sulla detenzione di attiviste per i diritti delle donne e sul suo ruolo guida nella devastante guerra nello Yemen.