Press "Enter" to skip to content

AstraZeneca: vaccino efficace al 79% secondo ricerche USA

Il vaccino COVID-19 di AstraZeneca ha fornito una forte protezione contro la malattia e ha eliminato le ospedalizzazioni e i decessi per la malattia in tutte le fasce di età. Questo è quanto emerge da uno studio in fase avanzata negli Stati Uniti annunciato lunedì.

AstraZeneca ha confermato che i suoi esperti non hanno identificato alcun problema di sicurezza relativo al vaccino, compreso il fatto di non aver trovato alcun aumento del rischio di rari coaguli di sangue identificati in Europa.

Anche se il vaccino di AstraZeneca è stato autorizzato in più di 50 paesi, non è ancora stato dato il via libera negli Stati Uniti – e ha lottato per ottenere la fiducia del pubblico in mezzo a un lancio travagliato. Lo studio comprendeva più di 30.000 volontari, due terzi dei quali hanno ricevuto il vaccino mentre gli altri hanno ricevuto delle iniezioni fittizie.

In una dichiarazione, AstraZeneca ha detto che il suo vaccino COVID-19 ha avuto un tasso di efficacia del 79% nel prevenire la COVID-19 sintomatica ed è stato efficace al 100% nel fermare la malattia grave e l’ospedalizzazione, anche se non ha ancora pubblicato dati completi. I ricercatori hanno detto che il vaccino è stato efficace in tutte le età, comprese le persone anziane – qualcosa che studi precedenti in altri paesi non erano riusciti a stabilire. Due dosi del vaccino AstraZeneca sono state somministrate alle persone a quattro settimane di distanza.

“Questi risultati riconfermano i precedenti risultati osservati”, ha detto Ann Falsey della University of Rochester School of Medicine che ha contribuito a guidare la sperimentazione. “È eccitante vedere per la prima volta risultati di efficacia simili in persone oltre i 65 anni”.

L’iniezione di AstraZeneca è un pilastro di un progetto sostenuto dalle Nazioni Unite noto come COVAX che mira a far arrivare i vaccini COVID-19 nei paesi più poveri, ed è anche diventato uno strumento chiave negli sforzi dei paesi europei per aumentare la loro lenta diffusione dei vaccini.

I primi risultati dello studio americano sono solo una serie di informazioni che AstraZeneca deve presentare alla Food and Drug Administration. Un comitato consultivo della FDA discuterà pubblicamente le prove dietro i colpi prima che l’agenzia decida se permettere l’uso di emergenza del vaccino. In passato, il tempo tra la rivelazione dei dati di efficacia da parte di un’azienda e l’autorizzazione di un’iniezione negli Stati Uniti è stato di circa un mese.

Julian Tang, un virologo dell’Università di Leicester che non era collegato allo studio, ha descritto i risultati come “buone notizie” per il vaccino.

“I precedenti studi nel Regno Unito, Brasile e Sudafrica avevano un disegno più variabile e incoerente e si pensava che la FDA statunitense non avrebbe mai approvato l’uso del vaccino AZ su questa base, ma ora lo studio clinico statunitense ha confermato l’efficacia di questo vaccino nei loro studi clinici”, ha affermato.

Gli scienziati hanno aspettato i risultati dello studio americano nella speranza che chiarisca un po’ di confusione su quanto bene funzionino davvero le iniezioni, in particolare nelle persone anziane. La ricerca precedente suggeriva che il vaccino era efficace nelle popolazioni più giovani, ma non c’erano dati solidi che dimostrassero la sua efficacia negli over 65, spesso i più vulnerabili al COVID-19.

La Gran Bretagna ha inizialmente autorizzato il vaccino sulla base dei risultati parziali dei test effettuati nel Regno Unito, in Brasile e in Sudafrica, che suggerivano che le dosi erano efficaci al 70% circa. Ma questi risultati sono stati offuscati da un errore di produzione che ha portato alcuni partecipanti a ricevere solo una mezza dose nella loro prima iniezione – un errore che i ricercatori non hanno immediatamente riconosciuto.

Poi sono arrivate altre domande, su quanto bene il vaccino proteggesse gli adulti più anziani e su quanto tempo aspettare prima della seconda dose. Alcuni paesi europei, tra cui Germania, Francia e Belgio, hanno inizialmente rifiutato l’iniezione agli adulti più anziani e hanno invertito le loro decisioni solo dopo che nuovi dati hanno suggerito che stava offrendo protezione agli anziani.

Lo sviluppo del vaccino di AstraZeneca è stato difficile anche negli Stati Uniti. Lo scorso autunno, la Food and Drug Administration ha sospeso lo studio dell’azienda per un insolito periodo di sei settimane, mentre i regolatori frustrati cercavano informazioni su alcuni reclami neurologici segnalati in Gran Bretagna; alla fine, non c’erano prove che il vaccino fosse da biasimare.

La settimana scorsa, più di una dozzina di paesi, soprattutto in Europa, hanno temporaneamente sospeso l’uso del vaccino AstraZeneca dopo le notizie che lo collegavano a coaguli di sangue. Giovedì, l’Agenzia europea per i medicinali ha concluso dopo un’indagine che il vaccino non ha aumentato il rischio complessivo di coaguli di sangue, ma non poteva escludere che fosse collegato a due tipi molto rari di coaguli. Ha raccomandato di aggiungere un avvertimento su questi casi al foglietto illustrativo del vaccino.

Non è insolito che questi rari problemi saltino fuori quando i vaccini vengono lanciati, dato che le prove in genere esaminano decine di migliaia di persone, e alcuni problemi si vedono solo quando il vaccino viene usato in milioni di persone.

Francia, Germania, Italia e altri paesi hanno poi ripreso l’uso dell’iniezione venerdì, con politici di alto livello che si sono rimboccati le maniche per dimostrare che il vaccino è sicuro.

AstraZeneca ha comunicato che continuerà ad analizzare i dati statunitensi prima di presentarli alla FDA nelle prossime settimane. Ha detto che i dati saranno presto pubblicati in una rivista peer-reviewed.