Press "Enter" to skip to content

Anche la Tailandia blocca il vaccino di Astrazeneca

Il primo ministro thailandese ha ricevuto un’iniezione del vaccino COVID-19 prodotto da AstraZeneca martedì, mentre gran parte dell’Asia si è scrollata di dosso le preoccupazioni per le segnalazioni di coaguli di sangue in alcuni destinatari in Europa, dicendo che finora non ci sono prove per collegare le due cose.

Molti paesi che usano il vaccino hanno anche detto che i benefici dell’inoculazione superano di gran lunga i possibili rischi, anche se parti dell’Europa lo hanno sospeso in attesa di indagini sui potenziali effetti collaterali.

AstraZeneca ha sviluppato una base produttiva in Asia, e il Serum Institute of India, il più grande produttore di vaccini al mondo, è stato contrattato dalla società per produrre un miliardo di dosi del vaccino per le nazioni in via di sviluppo. Altre centinaia di milioni saranno prodotte quest’anno in Australia, Giappone, Thailandia e Corea del Sud.
“Ci sono persone che hanno preoccupazioni”, ha detto il primo ministro tailandese Prayuth Chan-ocha dopo aver ricevuto la prima dose del vaccino AstraZeneca. “Ma dobbiamo credere ai medici, credere nei nostri professionisti medici”.

La Thailandia la scorsa settimana è stato il primo paese al di fuori dell’Europa a sospendere temporaneamente l’uso del vaccino AstraZeneca. L’Indonesia l’ha seguita lunedì, dicendo che stava aspettando un rapporto completo dall’Organizzazione Mondiale della Sanità sui possibili effetti collaterali.

Ma le autorità sanitarie della Thailandia hanno deciso di andare avanti con AstraZeneca, con Prayuth e i membri del suo gabinetto che hanno ricevuto le prime dosi.

Un gran numero di paesi europei – tra cui Germania, Francia, Italia e Spagna – hanno sospeso l’uso del vaccino di AstraZeneca lunedì per le segnalazioni di pericolosi coaguli di sangue in alcuni destinatari, anche se l’azienda e i regolatori internazionali dicono che non ci sono prove che il colpo sia da biasimare.

L’agenzia di regolamentazione dei farmaci dell’UE ha convocato una riunione per giovedì per rivedere i risultati degli esperti sul vaccino AstraZeneca e per decidere se è necessario prendere provvedimenti.

Anche altri paesi della regione Asia-Pacifico hanno detto che andranno avanti con i programmi di vaccinazione.

Nelle Filippine, il portavoce presidenziale Harry Roque ha detto che il suo paese non sospenderà l’uso perché i benefici superano i rischi. Il paese ha ricevuto finora 525.00 dosi del vaccino AstraZeneca sotto l’accordo COVAX dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e ha somministrato finora 12.788 dosi. Diversi milioni di altre dosi sono state ordinate dal governo e da aziende private.

“Non ci sono ancora dati chiari che dimostrino che la coagulazione del sangue sia stata causata da AstraZeneca. Se tali dati verranno fuori, forse fermeremo anche l’uso di AstraZeneca”, ha detto Roque. “A partire da ora, i nostri esperti stanno dicendo di nuovo che i benefici che otteniamo dall’uso di AstraZeneca sono più grandi degli effetti collaterali di questo vaccino”.

Il ministro della salute australiano Greg Hunt ha detto che il suo paese non sospenderà le vaccinazioni. L’Australia ha vaccinato circa 200.000 persone finora e prevede di importare e produrre 70 milioni di dosi di vaccino da AstraZeneca.

“Il governo sostiene chiaramente, inequivocabilmente, assolutamente il lancio di AstraZeneca, chiaramente, inequivocabilmente, assolutamente. E il motivo è molto semplice – aiuterà a salvare vite e a proteggere vite, e lo fa sulla base del parere medico”, ha detto Hunt al Parlamento.

Il capo medico australiano, Paul Kelly, ha detto che non ci sono prove finora che il vaccino causi coaguli di sangue.

“I coaguli di sangue accadono, accadono in Australia abbastanza comunemente”, ha detto. “Ma, dal mio punto di vista, non vedo che ci sia un legame specifico tra il vaccino AstraZeneca e i coaguli di sangue, e non sono solo in questa opinione”.
Di gran lunga il più grande utente del vaccino AstraZeneca è l’India.

L’India sta usando due vaccini – il vaccino AstraZeneca prodotto dal Serum Institute of India, e un altro dal produttore indiano di vaccini Bharat Biotech – per immunizzare la sua vasta popolazione. Degli oltre 25,6 milioni di persone in India che hanno ricevuto almeno un’iniezione di un vaccino, oltre 23,4 milioni hanno ricevuto l’iniezione AstraZeneca, secondo i dati del governo.

I funzionari della sanità hanno detto all’agenzia di stampa Press Trust of India sabato che un totale di 234 eventi avversi, compresi 71 decessi, sono stati segnalati dopo aver ricevuto uno dei due vaccini, ma che non è stato trovato alcun legame causale. Il governo sta ora esaminando i casi per una valutazione finale.

Il Serum Institute of India, il più grande produttore di vaccini al mondo, è stato incaricato da AstraZeneca di produrre un miliardo di dosi di vaccino per le nazioni in via di sviluppo. Al 4 marzo, l’India aveva esportato oltre 48,1 milioni di dosi di vaccino, tra cui 11,9 milioni di dosi alla COVAX e 28,8 milioni di dosi come esportazioni commerciali, secondo i dati del governo.

Nel frattempo, attivisti della salute ed esperti di etica medica in India hanno avvertito che i sistemi indiani per il monitoraggio di eventuali effetti collaterali dannosi sono troppo permissivi.

Con l’eccezione di alcuni paesi, come Singapore e l’India, le nazioni asiatiche sono state piuttosto lente nel far vaccinare le loro popolazioni. La maggior parte delle nazioni, tra cui Australia, Nuova Zelanda e Thailandia, hanno avuto un relativo successo.