Press "Enter" to skip to content

Addio a Olivia de Havilland: la star di “Via col vento”, scompare all’età di 104 anni

Olivia de Havilland, due volte vincitrice dell’Oscar e per decenni l’ultima stella sopravvissuta di “Via col vento”, è deceduta all’età di 104 anni. L’annuncio è stato dato dallasua pubblicista Lisa Goldberg alla CNN.

L’attrice è morta domenica per cause naturali nella sua residenza a Parigi, ha detto la Goldberg, città nella quale ha vissuto per più di sei decenni.

De Havilland è emersa come star durante l’era del cinema classico – prima come partner romantico per Errol Flynn in “Captain Blood” e “Le avventure di Robin Hood” e poi come l’indimenticabile Melanie Hamilton Wilkes in “Via col vento” (1939), considerato uno dei più grandi successi di Hollywood.

Alla fine degli anni ’40, era diventata una delle migliori attrici dello schermo.

Fuori dallo schermo l’attrice fu anche nota per avere intentato una causa contro il suo datore di lavoro, la Warner Bros.

Nel 1943, de Havilland fece causa allo studio dopo aver tentato di prorogare il suo contratto di sette anni, che stava per scadere.

L’eventuale vittoria alla corte di De Havilland ha contribuito a spostare il potere dai grandi studi di quell’epoca alle mega celebrità e alle potenti agenzie di talenti di oggi.

“Gli attori di Hollywood saranno per sempre in debito con Olivia”, ha scritto l’amica di De Havilland nonché frequente co-protagonista Bette Davis nella sua autobiografia “La vita solitaria”.

Olivia De Havilland in seguito ha ricordato quanto sia stata gratificante la sentenza per lei.

“Sono stata molto orgogliosa di quella decisione, poiché ha corretto un grave abuso del sistema contrattuale – ha forzato l’estensione di un contratto oltre il suo termine legale. Tra coloro che hanno beneficiato della decisione c’erano gli attori che hanno combattuto nella seconda guerra mondiale e che, durante quel conflitto, furono sospesi “, ha detto l’attrice alla Screen Actors Guild in un’intervista del 1994.

Negli ultimi anni, Jared Leto ha accreditato la cosiddetta “legge de Havilland” per aver aiutato la sua band, Thirty Seconds to Mars, in una disputa contrattuale con la sua etichetta discografica.

Circa tre quarti di secolo dopo quella sentenza storica, la de Havilland perse una causa intentata contro i creatori della miniserie FX Networks del 2017, “Feud: Bette and Joan”.

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di riesaminare il caso dopo che la ormai centenaria attrice non era riuscito a convincere lacorte d’appello della California che i cineasti l’avevano rappresentata in una falsa luce e avrebbe dovuto ottenere il suo permesso per essere ritratto nel dramma.

Ancora più importante per de Havilland, è stato l’ottenimento della libertà di perseguire ruoli migliori in film pluripremiati come “To Each His Own” (1946), “The Snake Pit” (1948) e “The Heiress” (1949).

 

La sua prima vittoria all’Oscar – per “To Each His Own” – ha anche messo in luce una relazione spesso tesa con la sua famosa sorella minore, Joan Fontaine. Alla cerimonia del 1947, Fontaine cercò di congratularsi con il fratello dietro le quinte, ma la de Havilland la scostò di lato, riferendo al suo agente di stampa: “Non so perché lo faccia quando sa come mi sento”.

Fontaine, anch’essa vincitrice di un Oscar, è deceduta nel dicembre 2013, all’età di 96 anni, alimentando le speculazioni della stampa sul fatto che le sorelle abbiano posto fine a una delle faide familiari più famose di Hollywood prima della sua morte.

“Mi dispiace di non ricordare nessun atto di gentilezza da parte sua durante tutta la mia infanzia”, ​​ha detto Fontaine della sorella nel suo libro di memorie, “No Bed of Roses”.

Al momento della morte della Fontaine, Olivia ha rilasciato una dichiarazione in cui era “scioccata e rattristata” dalla notizia.

Olivia Mary de Havilland è nata il 1 luglio 1916 a Tokyo da genitori britannici. Sia Olivia che Joan erano spesso malate da bambini, e la loro madre decise di tornare in Inghilterra per le cure. Una sosta a San Francisco ha portato il trio a stabilirsi a Saratoga, in California. Alla fine i genitori delle ragazze divorziarono e la madre si risposò.

De Havilland ha scoperto il talento della recitazione in una produzione scolastica di “Alice nel paese delle meraviglie”. La sua dedizione al mestiere l’ha portata a sfidare l’avvertimento del suo patrigno contro l’apparizione in spettacoli teatrali e ad uscire di casa prima di diplomarsi al liceo.

Ha ottenuto la sua prima pausa professionale come sostituto di Gloria Stuart (in seguito l’anziana Rose in “Titanic”) nella produzione di Max Reinhardt di “Sogno di una notte di mezza estate”. Dopo che Stuart si è ritirato, de Havilland ha vinto il ruolo di Hermia e ha fatto il suo debutto sul palco in Shakespeare. L’apparizione dell’Hollywood Bowl portò a un contratto con la Warner Bros. e la versione cinematografica del 1935.